07/01/12

I 3 migliori incassi nei cinema giapponesi del 2011



Bentornato e Buon 2012!
Oggi voglio presentarti una classifica diversa dal solito: i 3 migliori film giappponesi del 2011, classifica basata sugli incassi totali nell'anno solare ottenuti da ciascun film.
La classifica prende in considerazione solo produzioni nipponiche e non vengono menzionati film di animazione "seriale" (come i vari lungometraggi di "Detective Conan" o "Pokemon", per esempio).
Per ogni posizione troverai: la locandina del film, una breve trama (senza spoiler), gli incassi (indicati in euro), un eventuale trailer e, tra parentesi accanto al titolo del film, il distributore giapponese delle varie pellicole.


1. Kokurikozaka kara (Toho)















Nessuna sorpresa al vertice,  per quest'anno cinematografico, occupato dall'ultimo lungometraggio dello Studio Ghibli: con un incasso totale di 43 milioni di euro, è al vertice della classifica cinematografica "Kokurikozaka kara" nuovo film dello Studio Ghibli, diretto da Goro Miyazaki, figlio del maestro Hayao Miyazaki, alla sua seconda direzione dopo "I racconti di Terramare".
La storia è ambientata nella città di Yokohama nel 1963, un anno prima dei giochi della XVIII Olimpiade di Tokyo.
Umi è una ragazza di 16 anni, suo padre risulta disperso in mare e la madre fotografa è spesso assente per lavoro.
Vive quindi da sola in una casa sulla "Collina dei papaveri" (che domina il porto e ogni mattina issa due bandiere di segnalazione marittima che significano "prego per una navigazione sicura".
Shun è un ragazzo di 17 anni ed ogni mattina arriva al porto su un rimorchiatore per poi andare a scuola: vede sempre quelle due bandiere e si chiede quale storia nascondano.
I due ragazzi sono finalmente destinati ad incontrarsi e ad innamorarsi durante le discussioni che si scatenano a scuola per salvare dalla demolizione il "Club della Cultura", un vecchio e fatiscente edificio carico però di storia e di ricordi.
La sceneggiatura è stata realizzata da Hayao Miyazaki. Il film è uscito in Giappone il 16 Luglio 2011.


2. Sutekina kanashibari (Once in a Blue Moon) (Toho)



















Emi Hosho (Eri Fukatsu), è un'avvocatessa con poco successo, a cui è assegnata una delle cause d'omicio più insolite mai raccontate.
Il suo cliente, infatti, è accusato di aver ucciso la ricca moglie. Il suo debole alibi è però che lui, al momento dell'omicidio, alloggiasse in un piccolo albergo tradizionale, colpito da Kanashibari (paralisi del sonno) causata però da un evento paranormale.
L'unico testimone in grado di confermare il suo alibi è un vecchio fantasma del periodo Sengoku, il comandante militare Rokubei Sarashina (Toshiyuki Nishida), che era rimasto seduto sul petto dell'imputato per tutta la notte.
A questo punto Emi decide di andare di approfondire, alloggiando lei stessa nella locanda, e facendo la conoscenza del fantasma del vecchio militare giapponese.
Sapendo che il fantasma è l'unico testimone in grado di supportare l'alibi del suo cliente, lei lo supplica di testimoniare in tribunale...
Commedia divertente e sopra le righe, scritta e diretta da quell'esperto di comicità che è il regista nipponico Koki Mitani, già autore di due film interessanti come "The Uchoten Hotel" e "The Magic Hour".
La pellicola "Suteki na Kanashibari", conosciuta con il titolo internazionale "Once in a Blue Moon" e uscita nelle sale giapponesi il 29 Ottobre 2011, incassa in totale 38 milioni di euro.


3. Gantz (Toho)















Il liceale Kei Kurono (Kazunari Ninomiya), nota un suo amico d'infanzia Masaru Kato (Kenichi Matsuyama) intento ad aiutare un uomo ubriaco che è caduto da una piattaforma della metropolitana. 
Kei salta anche lui nei binari del treno per aiutarli entrambi, ma pochi istanti dopo il treno della metropolitana si avvicina rapidamente e loro non hanno tempo e possibilità per fuggire.
Un attimo dopo, Kei e Masaru si ritrovano in uno strano appartamento con una misteriosa sfera gigante e altre persone anch'esse teoricamente morte.
La sfera nera al centro della sala è "GANTZ".
GANTZ assegna alle persone riunite nella stanza, la missione di sterminare gli alieni. Chi ne ucciderà di più potrà lasciare quell'inusuale Purgatorio...
Uscito in Giappone il 29 Gennaio 2011, ha incassato 31 milioni di euro.
Basato sull'omonimo seinen manga scritto e disegnato da Hiroya Oku, attualmente pubblicato in Italia da Planet Manga, cui è seguito qualche mese dopo un altro lungometraggio "Gantz: Perfect Answer".


fonte: boxofficemojo


Nessun commento:

Posta un commento